Cassinelle
Borgo di Cassinelle

    Le prime notizie di una comunità a Cassinelle risalgono al 1189 in un vecchio scritto viene riportato: "viene ricordato Raimondo, priore di Cassinelle, nel privilegio concesso da Bonifacio, arcivescovo di Genova, al Reverendo Padre Guglielmo prevosto e ai suoi frati di costruire una chiesa presso le mura della città di Genova nel terreno loro offerto da Ansaldo Bavario, nobile genovese, su istanza dello stesso Raimondo, priore di Cassinelle, che agisce con procura conservata negli atti del Notaio Guglielmo Cassinese e la cui copia io, Nicolò Perazzo fu Marco, notaio, ho trascritto all'inizio di questo volume".
    Altre testimonianze della presenza della comunità di Cassinelle si ha da altri due atti notarili.
    Il 30 gennaio 1267 Giovanna De Canto fa testamento, lasciando dieci soldi ai frati eremiti di Monte Timone.
    Il 2 Aprile 1276 Martino Oliaro lascia dieci soldi ai frati di Monte Timone.
    Queste due donazioni fanno dedurre che in tale località sia presente già all'epoca una chiesa.
    In questi anni oltre ai lasciti in denaro si hanno testimonianze di lasciti di terreni da parte della gente del circondario. Infatti esistono atti del 1290 dove vengono riportate le pigioni per gli affitti di alcuni terreni.

    Ci sono alcuni storici che indicano la costruzione della chiesa di Cassinelle nel 1308. Padre Aurelio nella "Chronologia urbis Genuae" scrive che nel 1308 viene costruita l'abbazia di Cassinelle vicino a Sestri. Stessa affermazione è fatta negli "Annali ecclesiastici della Liguria" di P.Agostino Schiaffino.
    In realtà non si capisce se nel 1308 viene costruita la chiesa oppure se avviene una grossa ristrutturazione di una chiesa precedente. La tesi dell'esistenza di una precedente chiesa sembra supportato dalle donazioni fatte nel 1276 per la comunità dei frati presente a Cassinelle.

Cassinelle
Chiesa di Santa Maria di Cassinelle

Cassinelle
Torretta

    In questa località passava anche un'antica via del sale tale strada costeggiava tutto il torrente Chiaravagna ed il Rio Cassinelle, passando per Cassinelle, la via del sale raggiungeva i Piani di Praglia dove si incrociava con le altre vie del sale più importanti.

Cassinelle
Cappelletta votiva lungo la Via del Sale

Cassinelle
Vallata del Rio Cassinelle

    La comunità di Cassinelle si sa che è stata proprietà dei Grimaldi dal 1519 e nel 1771 era ancora in loro posesso, in quel periodo per la precisione nel 1746, gli austriaci asportarono dalla chiesa la piccola campana.
    Sotto la chiesa sono presenti le antiche tombe dei Conte, e negli anni Settanta sono state tutte profanate.

Cassinelle
Entrata delle tombe dei Conte

Cassinelle
Tombe dei Conte

Cassinelle
Tombe dei Conte

    Nel 1861 la località divenne proprietà del demanio che la vendette in seguito alla famiglia dei Conte.

    Proprio vicino alla chiesa sono ancora visibili gli ingressi delle antiche miniere di rame, da dove si estraeva il materiale con grande sacrificio.

    Ancora oggi il borgo di Cassinelle benchè sia in totale abbandono mantiene il fascino dei luoghi rimasti immutati nel tempo.

Cassinelle
Chiesa di Santa Maria di Cassinelle

Cassinelle
Chiesa di Santa Maria di Cassinelle

Cassinelle
Torretta